Your browser is no longer supported

For the best possible experience using our website we recommend you upgrade to a newer version or another browser.

Your browser appears to have cookies disabled. For the best experience of this website, please enable cookies in your browser

This site uses cookies. By using our services, you agree to our cookie use.
Learn more here.

'Adept at creating magnificent architectural objects, Chilean architects are rarely subversive'

It difficult to identify in the Chilean architectural fabric any projects that self-consciously question the role of the architect

[Scroll down to read the text in the original Italian]

It’s not easy to keep track of all the biennials and triennials that now take place around the globe. Some are like Woodstock, where you have fun, drink prosecco and listen to the coolest voices and emerging talents in architecture. Some are more akin to the circus of Formula One, where you always see the same people – stars, technical teams, minor players – who meet up every two or three weeks in various cities around the world. Others strive to differentiate themselves from these cultural quickies, to develop a stronger and more productive focus on their specific region and its community of architects.

For many reasons, and rightly so, the Bienal de arquitectura de Chile is of the latter type. It’s an old institution, marking its 19th edition this year and founded in 1977, making it older than the Venice Architecture Biennale (1980). In addition, it’s a Bienal de arquitectura + educatiòn, meaning the programme is developed in close collaboration with a group of curators – selected through a call for entries – and in association with the most important schools, in a country where architecture is still considered a very important profession.  

The Bienal is small, comprised of a handful of key elements. The first, and most ‘international’, is the lecture series, which features very famous speakers (Winy Maas, Francesco Dal Co, Smiljan Radić, Giancarlo Mazzanti, etc) and takes place in the beautiful auditorium of the Parque Cultural throughout the 13-day programme. 

The second element, and perhaps the most coherent, relates directly to the theme of the biennale – El país que queremos. This is an exhibition featuring the high-quality output of the profession in the various regions of the country. The curatorial ambition is clear: to document, rather than celebrate, the architecture of Chile, which means that in the whole biennale there is little to no work exhibited from the most famous Chilean architects (Radić, Klotz & co).

The third element of the biennale is a didactic exhibition and workshop developed in collaboration with 20 architectural schools, mostly Chilean. This takes place inside the beautifully restructured former penitentiary of Valparaíso where, for the duration the biennale, students work on projects and proposals that offer an alternative vision for the city that differs significantly from that of its developers.

There are also exhibitions in smaller spaces dedicated to specific themes and professional organisations, most notably the show dedicated to the work of Teodoro Fernández, who won the national architecture award in 2015, an architect not well known in Europe but important, both for his projects and for having mentored the best of the next generation of Chilean architects.

The city itself is half beautiful, half neglected, which offers the biennale an urgent and fitting theme

There are also various happenings taking place in disparate locations around the city, of which a highlight is the temporary pavilion designed by Sebastián Irarrázaval for l’Università Cattolica di Santiago which has been rebuilt inside a semi-demolished historical building, a space highly prized by the market for redevelopment.

What impression of the biennale do we take home? Certainly the decision to transfer the event from Santiago to Valparaíso’s Parque Cultural was more than the right one. The restoration work on the old penitentiary, designed by Martin Labbé, Jonathan Holmes, Carolina Portugueis and Osvaldo Spichiger, has more of a Brazilian than Chilean air to it, but it is an ideal space for the biennale with a splendid location facing the port and the sea.

The city itself is half beautiful, half neglected, which offers the biennale an urgent and fitting theme, and an ideal backdrop for architectonic experiments and urban debates. Also, the student occupation of the penitentiary building for the duration of the event transformed the biennale into a living organism that was constantly producing new ideas and provocations.

The fact that the works of the most famous Chilean architects are not on show is not a problem, even if the foreign visitor regrets this a little. However the tone of the exhibited projects was a bit flat, which meant that it took some patience and determination to stick with it and see the whole exhibition. The inclusion of architectural models or a more varied presentation style would have helped. 

The bienal is a call for Chilean designers to put more energy into reflecting more widely on the city and its landscape

Two important themes emerge from the biennale. The first is the sense of continuity and matured modernity that persists among Chilean architects. Here, more than in any other Latin American country, strong links exist between the architecture schools, the profession, the professional organisations and the clients, links forged and founded in architectural education, especially in some specific schools. This allows for a continuity in the transmission of ideas and leadership from one generation to the next and for a professional solidity very little affected by the crises of recent years, but perhaps also makes it difficult to identify in the Chilean architectural fabric any projects that are truly subversive or that self-consciously question the role of the architect.

The second emergent theme of the biennale, which perhaps responds to the former, is a call for Chilean designers, who are naturals at creating magnificent architectural objects, to put more energy into reflecting more widely on the city and its landscape, allowing for a greater dialogue with society.

Valparaíso is a great place to rethink the urban development of Chile, and the instability of the Chilean territory – ravaged again in these days by another natural disaster – is a more than good enough reason to request architects to make an greater contribution to el país que queremos.

The Chilean biennale was curated by a large and very capable group of people, led by Fernando Marín and composed of Joaquín González, Gabriela de la Piedra, Francisca Pulido and Juan Pablo Urrutia. Working alongside them, for the set-up and organisation of the events, was a very interesting young Chilean collective called Arquitectura Caliente.


Non è facile tenere il conto delle biennali e triennali di architettura che si svolgono oggi in giro per il mondo. Alcune sembrano somigliare a delle piccole Woodstock dove si va per divertirsi, bere aperitivi e ascoltare le voci più cool e i gruppi emergenti; altre richiamano più il modello circus della Formula1, nel quale sono sempre le stesse persone – star, tecnici e figuranti – a ritrovarsi ogni due o tre settimane in parti diverse del mondo; altre ancora sembrano cercare un rapporto un po’ meno ‘mordi e fuggi’ con il territorio dove si svolgono e con la comunità degli architetti. Per molte ragioni, e per sua fortuna, La Bienal de arquitectura de Chile sembra appartenere a quest’ultima categoria. Prima di tutto è un’istituzione molto antica, giunta alla XIX edizione, fondata nel 1977 e quindi perfino prima dell’edizione inaugurale della Biennale Architettura di Venezia (1980). Poi è una Bienal de arquitectura + educatiòn, nel senso che si basa su una collaborazione molto stretta tra un gruppo di curatori – selezionati con una call – e alcune delle più importanti scuole di un paese nel quale l’architettura è ancora una professione molto importante.

Il programma de la Bienal è basato su poche cose. La più “internazionale” è certamente una serie di conferenze di speaker molto conosciuti (Winy Maas, Francesco Dal Co, Smilian Radic, Giancarlo Mazzanti ecc.) ospitate lungo i 13 giorni dell’evento nel bell’auditorium del Parque Cultural. La più coerente rispetto al titolo della biennale – El pays que queremos – è una mostra ‘bottom up’ che documenta la produzione professionale di qualità nelle varie regioni del paese. La scelta dei curatori è chiara: documentare piuttosto che celebrare la presenza dell’architettura nel territorio, il che vuol dire che nell’intera biennale non troviamo nessuna, o quasi, delle opere degli autori più famoci, Radic, Klotz, Aravena eccetera. Il terzo progetto portante della Bienal corrisponde a una mostra didattica e a un workshop con 20 scuole di architettura (soprattutto cilene) che occupano l’intero ex-carcere di Valparaiso, e che ha continuato a produrre per tutta la durata dell’evento progetti e proposte per offrire un’immagine della città diversa da quella proposta dai developers. C’è poi una serie di mostre e spazi minori, dedicate a temi specifici e a organizzazioni professionali, tra le quali va certamente segnalata un’esposizione dedicata al lavoro di Teodoro Fernandez, premio nazionale di architettura del 2015, architetto poco noto in Europa ma importante sia per i suoi progetti sia per essere stato il maestro di molti dei migliori architetti cileni della generazione successiva. C’è infine una serie di presenze sparse nella città, tra le quali va certamente segnalato il bellissimo padiglione temporaneo realizzato da Sebastian Irrazàval per l’Università Catolica di Santiago e rimontato qui, nel corpo di un edificio storico semidemolito e molto appetito dai costruttori.

Che impressione della Bienal ci portiamo a casa? Certamente la scelta principale, di trasferire l’evento da Santiago al Parque Cultural di Valparaiso sembra più che giusta. Il progetto di recupero del vecchio carcere di Martin Labbe, Jonathan Holmes, Carolina Portugueis e Osvaldo Spichiger ha certamente un’aria più brasiliana che cilena ma offre alla biennale uno spazio adatto e un paesaggio splendido, affacciato sul porto e sull’oceano. La città stessa, divisa tra bellezza e abbandono, si offre alla Bienal come un tema urgente e adatto, disponibile alle sperimentazioni architettoniche e alla discussione urbanistica. Anche la scelta di occupare per tutto il tempo il bellissimo edificio ristrutturato del carcere con i gruppi di studenti ha funzionato bene per fare della biennale un organismo sempre vivo, che produce idee e proposte. Il fatto di non vedere in mostra i lavori dei campioni dell’architettura cilena non è un problema, anche se il visitatore straniero un po’ ne soffre. E’ vero però che il tono un po’ piatto dell’allestimento dei progetti esposti tende a far si che per guardare tutta la mostra ci voglia un po’ di pazienza e buona volontà. Qualche modello o qualche forma di racconto più varia avrebbe forse aiutato.

Rimangono due temi importanti. Il primo è il senso di continuità e modernità matura che ancora una volta ci viene dall’architettura cilena. Ancor più che negli altri paesi latinoamericani si conferma qui l’efficienza di una filiera università – professione - organismi professionali – committenza, molto basata sul potere delle scuole, o meglio di alcune specifiche scuole. Questa continuità consente un ricambio continuo e felice di autori e una solidità professionale non intaccata dalla crisi degli ultimi anni ma allo stesso tempo rende difficile identificare nel tessuto architettonico cileno progetti davvero eversivi, tesi a interrogarsi sul ruolo dell’architetto. Il secondo tema di fondo della Bienal, forse per dare risposta a quanto appena scritto, è il tentativo di chiedere ai progettisti cileni, naturalmente portati a disegnare oggetti meravigliosi, di mettere più energia in una riflessione più ampia sulla città e sul paesaggio, consentendo un maggior dialogo con la società. Valparaiso è un ottimo scenario per ripensare lo sviluppo urbano in Cile mentre l’instabilità del territorio cileno – sconvolto ancora in questi giorni da una catastrofe naturale – è una ragione più che buona per chiedere agli architetti un contributo ancora più grande per migliorare el pays que queremos.

La biennale di architettura del Cile è stata curata da un gruppo ampio e capace, guidato da Fernando Marìn e composto da Joaquìn Gonzàles, Gabriela De La Piedra, Francisca Pulido e Juan Pablo Urrutia. Con loro, per gli allestimenti e l’organizzazione degli eventi, ha lavorato un gruppo di giovani cileni molto interessanti, chiamati Arquitectura Caliente.

Lead Image

Photograph by Felipe Fontecilla

Have your say

You must sign in to make a comment

Please remember that the submission of any material is governed by our Terms and Conditions and by submitting material you confirm your agreement to these Terms and Conditions. Links may be included in your comments but HTML is not permitted.